A CITTÀ DI CASTELLO LAUREE IN BIBLIOTECA. GIOVEDÌ 25 MARZO IL PRIMO STUDENTE DISCUTERÀ LA TESI ON LINE NELLA SALA CONFERENZE DELLA “CARDUCCI”

A CITTÀ DI CASTELLO LAUREE IN BIBLIOTECA. GIOVEDÌ 25 MARZO IL PRIMO STUDENTE DISCUTERÀ LA TESI ON LINE NELLA SALA CONFERENZE DELLA “CARDUCCI”

24 Mar 2021

CITTÀ DI CASTELLO – Laurea on line in Biblioteca per gli studenti al tempo del Covid-19. L’alternativa sarebbe stata sostenere la discussione della tesi di laurea nella propria stanza, davanti allo schermo di un computer e con commissione, relatore e controrelatore dall’altro lato dello schermo, vivendo così un momento importante della propria vita in tono minore a causa dell’emergenza sanitaria in corso.
Giulio Verini, laureando all’Università “Bicocca di Milano”, giovedì 25 marzo sarà invece il primo a laurearsi on line ma nella sala conferenze della Biblioteca “Carducci” di Città di Castello, dopo che un pronunciamento del Consiglio comunale ha aperto a questa possibilità.
“Siamo i primi in Umbria e forse in Italia – dichiara l’assessore alla cultura Vincenzo Tofanelli – ad aprire le porte della Biblioteca comunale per la discussione delle tesi di laurea, ma siamo certi che altri seguiranno questa bella iniziativa. Da quando si è sparsa la notizia, le richieste di laurearsi in Biblioteca fioccano”.
L’idea, lanciata da Giorgio Baglioni (capogruppo della Lega), è stata condivisa dal Consiglio comunale “e subito messa in pratica dall’Amministrazione comunale – aggiunge Tofanelli – insieme ad un protocollo rispettoso di tutte le norme anticontagio, con contingentamento a 10 delle persone in presenza, tracciamento, distanziamento e sanificazione successiva, in modo da mettere in sicurezza le modalità di svolgimento. La bellezza della Biblioteca certamente contribuirà a rendere più suggestivo un passaggio fondamentale nella vita dei giovani anche se svolto da remoto e a dare quell’aurea memorabile che di solito il giorno della laurea riveste per il diretto interessato, i suoi parenti ed i suoi amici. La Biblioteca “Carducci” offre un ambiente ed una cornice architettonica di grande pregio che pensiamo di valorizzare e di far conoscere come merita, insieme a standard di sicurezza efficaci che comunque abbiamo rafforzato. Attualmente la Biblioteca è chiusa alla fruizione diretta ma continua ad erogare i servizi di prestito, restituzione e consultazione archivi”.
In attesa della prima tesi di laurea in Biblioteca, anche Giorgio Baglioni esprime la sua soddisfazione “per avere contributo a rendere speciale e solenne un momento che altrimenti avrebbe corso il rischio di trasformarsi in un’altra seduta di didattica a distanza”.