Ad Amelia la comunità educante che ha sfidato la pandemia: Ecco “Le parole che scaldano” della Rete Prendiamoci per mano

Ad Amelia la comunità educante che ha sfidato la pandemia:  Ecco “Le parole che scaldano” della Rete Prendiamoci per mano

10 Mag 2022

AMELIA – La robusta e solidale rete “Prendiamoci per mano” ha sfidato la pandemia col percorso “Le parole che scaldano”, che è diventato anche un libro.

Un percorso che ha coinvolto mille alunni e studenti delle scuole dell’infanzia e primaria e alcune classi della secondaria con i loro insegnanti, 15 associazioni del territorio, Comune di Amelia e Cesvol.

Il percorso e il libro, edito da Umbria Volontariato Edizioni, sono inseriti nel progetto “New Generation Community”, coordinato dal Cesvol Umbria, sede di Terni e sostenuto da Con I Bambini nell’ambito del fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile.

Venerdì 13 maggio, a partire dalle 11, sulla piattaforma meet, i ragazzi delle scuole rifletteranno intorno al libro, che è la restituzione dei momenti intensi che hanno caratterizzato il progetto durante l’anno scolastico. Raccoglie i lavori svolti per  la “Giornata della Pace”, come le coperte con i messaggi di pace, la “Giornata  della Memoria” e i percorsi accesi insieme alle tante associazioni del territorio.

“I bambini e i giovani hanno un bisogno smisurato di essere ascoltati e sostenuti, di imparare ad ascoltare” spiegano i referenti della Rete Prendiamoci per mano, rete di impegno e solidarietà nata nel 2004, che ha trasformato la città in una vera e propria comunità educante.

Oltre al Cesvol Umbria con lo sportello di Amelia hanno collaborato le associazioni: Arciragazzi Casa del Sole, Associazione Gemellaggi Amelia, Amici a 4 zampe Amelia, Artfall, A.V.I.S. comunale Amelia  “G. Gonella”, Caritas vicariale, Club “Il Magnete”, Contrada Posterola, Contrada Vallis, Croce Rossa di Avigliano Umbro, LatteMiele, Radici d’Amore onlus.

Il progetto New generation community è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD.

www.conibambini.org