“ALTROCIOCCOLATO 2020”, ANNULLATA LA KERMESSE. “AGGRAVATA LA SITUAZIONE CORONAVIRUS” – SPIEGA L’ASSOCIAZIONE UMBRIA EQUOSOLIDALE

“ALTROCIOCCOLATO 2020”, ANNULLATA LA KERMESSE. “AGGRAVATA LA SITUAZIONE CORONAVIRUS” – SPIEGA L’ASSOCIAZIONE UMBRIA EQUOSOLIDALE

6 Ott 2020

CITTA’ DI CASTELLO- L’Associazione Umbria Equosolidale ha annullato Altrocioccolato 2020. La kermesse, 19° edizione, si sarebbe tenuta nel centro storico dal 23 al 25 ottobre 2020. Gli organizzatori, causa andamento coronavirus, hanno deciso per la sospensione.

 

 

E’ proprio l’associazione Umbria Equosolidale, organizzatrice, a spiegare nel dettaglio l’annullamento dell’edizione 2020 di Altrocioccolato, ormai tappa fissa per i golosi e gli appassionati. “Avevamo messo a punto un sistema organizzativo che garantiva il rispetto di tutte le regole e le procedure di sicurezza. Purtroppo pe, a fronte dell’aggravarsi della situazione, non potevamo garantire lo svolgimento sereno di quella che è sempre stata vissuta come una manifestazione di allegria, socialità e condivisione. Siamo consapevoli che a livello globale si stia attraversando un periodo complicato, e vogliamo ringraziare l’Amministrazione tifernate, che ci ha ben supportato in una situazione di incertezza generalizzata. Guardiamo avanti: siamo al lavoro per immaginare un’edizione alternativa, che possa prevedere appuntamenti diffusi da qui alla fine dell’anno, all’interno dei quali Altrocioccolato 2020 proporrà attività più piccole e delimitate toccando varie città nel territorio umbro in occasione delle Giornate Regionali del Commercio Equo e Solidale”.

 

Il momento attuale è critico. Abbiamo più volte valutato se e in che modalità fosse stato possibile mantenere Altrocioccolato e tutti gli eventi d’autunno, fondamentali per la promozione turistica e delle eccellenze agroalimentari. Nelle ultime settimane, l’andamento del contagio in Italia ha deciso per noi e per tutti gli altri. Questo anno anomalo ci ha costretto a riscrivere le decisioni. La legge del distanziamento è fondamentalmente incompatibile con iniziative che richiamano tante persone, condividendo tavoli, spazio pubblico, visite a saloni o a esposizioni. Come istituzioni non possiamo se non far prevalere il principio della precauzione davanti alla pandemia coronavirus” – si apprende dall’amministrazione comunale di Città di Castello.

 

La storia                Altrocioccolato è una manifestazione culturale che da oltre 15 anni unisce Commercio equo e progetti di Economia solidale, partendo dalla passione per il mondo del Cacao e del Cioccolato equo e solidale, abbracciando le più ampie tematiche della sostenibilità e della salvaguardia del cibo e della Terra. Organizzato da Umbria EquoSolidale, la manifestazione crea progetti ed eventi offrendo la possibilità, ai produttori del Sud del Mondo e alle realtà dell’economia solidale italiana, di presentare e raccontare i propri prodotti, i propri problemi, il proprio lavoro. Altrocioccolato collabora con le realtà dell’economia sociale che sviluppano progetti alternativi di produzione, dall’ agricoltura biologica alla finanza etica, dal risparmio energetico alle fonti di energia rinnovabile, con l’obiettivo di sensibilizzare l’ opinione pubblica e i consumatori sulle possibili alternative ai normali stili di vita e di consumo. L’ associazione Umbria Equo Solidale si è costituita nel 2005. Oltre all’ organizzazione di Altrocioccolato, UES ha svolto un ruolo politico e tecnico insieme alla Regione Umbria, che ha portato all’ approvazione della Legge Regionale 3/2007 sul Commercio Equo. UES promuove e coordina le attività delle singole Botteghe nel settore educativo e formativo. Fanno parte di Umbria Equo Solidale le seguenti attività in tutta la regione: Il Colibrì, La Boteguita, Monimbò, Piano Terra .

Michele Baldoni