BENI CONFISCATI DALLA GUARDIA DI FINANZA DONATI ALLA C.R.I. TIFERNATE

BENI CONFISCATI DALLA GUARDIA DI FINANZA DONATI ALLA C.R.I. TIFERNATE

10 Giu 2021

CITTÀ DI CASTELLO – Il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Perugia ha donato al Comitato di Città di Castello della Croce Rossa Italiana supporti medici, apparecchi elettromedicali e presidi medico-sanitari vari (tra cui stampelle e carrozzelle), oltre a ben 180 litri di gasolio.

I beni, confiscati dalla Tenenza di Città di Castello, al termine dei rispettivi processi penali erano destinati da essere distrutti ma, vista la qualità dei prodotti e la possibilità di utilizzare gasolio, i militari hanno ritenuto opportuno proporre alla competente autorità giudiziaria il loro riutilizzo per finalità sociali: una scelta indubbiamente condivisibile  e certamente molto apprezzata da tutta la cittadinanza.
La donazione è avvenuta alla presenza del presidente del Comitato di Città di Castello della C.R.I. Francesco Serafini, che ha espresso riconoscenza per il costante impegno profuso da parte della Guardia di Finanza a tutela della comunità tifernate, con particolare riferimento al sostegno fornito nel periodo dell’emergenza epidemiologica: i ringraziamenti sono stati estesi all’autorità giudiziaria che ha permesso di destinare i beni alla C.R.I.

I volontari del Comitato tifernate della Croce Rossa Italiana forniranno i prodotti sanitari a persone in difficoltà, mentre il gasolio potrà essere utilizzato per alimentare i gruppi elettrogeni utilizzati in casi di calamità ed emergenza.
I beni sono stati confiscati all’esito di un’indagine che ha permesso di stroncare una maxi truffa perpetrata su scala nazionale tramite una parafarmacia, mentre il gasolio era stato oggetto di contrabbando.
La Guardia di Finanza, oltre ad assolvere i compiti derivanti dalle proprie prerogative di polizia economico-finanziaria, è costantemente impegnata nella promozione di iniziative a carattere sociale, improntate a spirito di solidarietà.