BILANCIO POSITIVO PER LA 9^ EDIZIONE DI “CHIOSTRI ACUSTICI TRA UMBRIA E TOSCANA”

BILANCIO POSITIVO PER LA 9^ EDIZIONE DI “CHIOSTRI ACUSTICI TRA UMBRIA E TOSCANA”

29 Ago 2022

CITTÀ DI CASTELLO – Con l’esibizione alla filarmonica di Federico Gili nell’eremo di Cerbaiolo (comune di Pieve Santo Stefano), domenica 21 agosto si è conclusa la 9^ edizione dell’iniziativa “Chiostri Acustici tra Umbria e Toscana”. Successo per la manifestazione, che ha fatto registrare una buona partecipazione di pubblico a tutti i 13 appuntamenti ospitati in spazi suggestivi dell’Alto Tevere umbro-toscano.

“A seguire i concerti – spiega Catia Cecchetti, direttrice del Museo Diocesano di Città di Castello ed ideatrice della kermesse – sono stati sia i numerosi turisti presenti nel nostro territorio sia cittadini residenti, che hanno così avuto modo di riscoprire le bellezze del nostro patrimonio culturale. Novità molto gradita di quest’edizione è stata l’adesione all’iniziativa del Museo Diocesano di Gubbio, per il naturale coinvolgimento della Diocesi eugubina: un evento, questo, salutato con entusiasmo dal vescovo Mons. Luciano Paolucci Bedini. Sempre presenti ai singoli eventi sono stati amministratori, sindaci o assessori al ramo dei Comuni coinvolti, ovvero Città di Castello, Citerna, Montone, San Giustino, Monte Santa Maria Tiberina, Pietralunga, Umbertide, Anghiari, Monterchi, Sansepolcro e Pieve Santo Stefano: da segnalare anche il coinvolgimento di Aboca Museum”.

“Sono stati due mesi intensi – prosegue Catia Cecchetti – che hanno visto la valorizzazione di Villa Graziani a San Giustino, del giardino di Piero antistante il Museo di Aboca a Sansepolcro, di Piazza Umberto I a Monterchi, del Castello Borbon del Monte a Monte Santa Maria Tiberina, di Piazza Scipione Scipioni a Citerna, del Teatro Dante a Sansepolcro, delle chiese di Sant’Agostino ad

Anghiari e Santa Maria a Pietralunga, oltre che dell’Eremo di Cerbaiolo a Pieve Santo Stefano. Appuntamenti della rassegna si sono tenuti anche nei chiostri del Museo Diocesano di Città di Castello, del Museo Diocesano di Gubbio, di San Francesco a Montone e ad Umbertide. Gli eventi, tutti molto partecipati, hanno dato agli artisti la possibilità di esprimersi al meglio con concerti di musica classica, pop, lirica e jazz ed interessanti sono stati anche i percorsi di visita guidati promossi da Aboca Museum. Notevole successo hanno riscosso le musiche jazz eseguite dal Trio Santiago-Pierotti- Benvenuti e dal 4et Soul&Jazz composto da Laura Falcinelli, Alessandro Cristofori, Diego Perugini e Daniele Cerofini, molto applaudito è stato il Djelem do Mar Trio con Fabia Salvucci e Sara Marini e Lorenzo Cannelli ed analogo successo ha riscosso il gruppo composto da Ramberto Ciammarughi al pianoforte, Fabio Zeppetella alla chitarra ed Ares Tavolazzi al contrabbasso. Particolare spazio è stato dato anche agli artisti e alle scuole locali come la Scuola comunale di musica “Giacomo Puccini” di Città di Castello diretta da Mario Cecchetti che ha proposto un concerto per arpa, flauto, clarinetto e chitarra: da ricordare inoltre le performances della Corale “Braccio Fortebraccio” di Montone diretta da Francesco Fulvi, l’esibizione del biturgense Lorenzo Tosi all’organo e di Gianfranco Contadini al violino e Paolo Fiorucci alla fisarmonica. Grande partecipazione anche per le musiche eseguite dal Quartetto Tarab con Martina Tedeschi e Francesco Corrado ai violini, Matilde Giorgis alla viola ed Emma Biglioli al violoncello, senza dimenticare le esecuzioni di artisti di levatura internazionale come l’English Chamber Choir diretto da Guy Protheroe e lo spettacolo “Madame Butterfly” promosso dalla Fondazione Puccini e dalle Manifatture Sigaro Toscano S.P.A”.

“Quella di “Chiostri acustici tra Umbria e Toscana – conclude Catia Cecchetti – è una formula ormai consolidata che piace al pubblico e che verrà riproposta con novità ed elementi aggiuntivi nella 10^ edizione nel 2023 per valorizzare al meglio un patrimonio locale di straordinario interesse artistico, culturale e spirituale”.