COVID, ORDINANZA DELLA PRESIDENTE DELLA REGIONE IN VIGORE FINO AL 5 APRILE

COVID, ORDINANZA DELLA PRESIDENTE DELLA REGIONE IN VIGORE FINO AL 5 APRILE

16 Mar 2021

PERUGIA – Venerdì 12 marzo la presidente della Regione Umbria Donatella Tesei ha firmato un’ordinanza regionale che resterà in vigore sino al 5 aprile e che sostituisce la numero 22 del 5 marzo. Alcune delle misure già adottate sono confermate e prorogate, mentre altre vengono adattate all’attuale situazione epidemiologica umbra e tengono conto delle prescrizioni della sanità regionale e delle linee presenti nel DPCM. In tal senso vi sono delle novità che riguardano soprattutto i servizi socioeducativi della prima infanzia, i servizi educativi della scuola dell’infanzia e in generale le scuole operanti in quei distretti individuati dalla sanità in cui si registrano particolari situazioni di diffusione del virus (come previsto dal DPCM in vigore).

Le principali novità riguardano: dal 15 marzo i servizi socioeducativi della prima infanzia ed i servizi educativi della scuola dell’infanzia sono svolti in presenza in tutta la regione, fatta eccezione per i distretti sanitari che presentano le caratteristiche sopracitate.

I distretti interessati dalla sospensione sono: l’Alto Tevere (comprendente i comuni di Citerna, Città di Castello, Lisciano Niccone, Monte Santa Maria Tiberina, Montone, Pietralunga, San Giustino ed Umbertide);
il Folignate (Bevagna, Foligno, Gualdo Cattaneo, Montefalco, Nocera Umbra, Sellano, Spello, Trevi, Valtopina);

l’Orvietano (comuni di Allerona, Baschi, Castel Giorgio, Castel Viscardo, Fabro, Ficulle, Montecchio, Montegabbione, Monteleone d’Orvieto, Orvieto, Parrano, Porano);

la Valnerina (Cascia, Cerreto di Spoleto, Monteleone di Spoleto, Norcia, Poggiodomo, Preci, Sant’Anatolia di Narco, Scheggino, Vallo di Nera);

l’Assisano (Assisi, Bastia Umbra, Bettona, Cannara Valfabbrica)

il Ternano (Acquasparta, Arrone, Ferentillo, Montefranco, Polino, San Gemini, Stroncone e Terni).

Le scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado svolgono le lezioni con modalità a distanza al 100% in tutto il territorio regionale.

Quanto al commercio, sempre su tutto il territorio regionale, il sabato possono rimanere aperti tutti i negozi di vicinato. Chiudono invece alle 14 del sabato le medie e grandi superfici e rimangono chiusi tutto il week-end i centri commerciali. Domenica commercio chiuso fatta eccezione per farmacie, presidi sanitari, ottici, generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici, edicole, librerie e tabacchi.

Tornano in presenza in tutta l’Umbria i corsi individuali (ad esempio di musica, danza, teatro, lingue ecc.), con distanziamento di almeno 2 metri ed utilizzo della mascherina FFP2.

Per ciò che riguarda infine l’attività venatoria, oltre a quanto già previsto in precedenza viene ora consentito in forma individuale l’addestramento cani nelle aree Zac (Zona addestramento cani) presenti nel comune di residenza o, nel caso in cui non fosse presente, in quelle del comune più vicino.

Le misure potranno essere riviste anche settimanalmente in base al mutamento del quadro dei contagi.