GIRO D’ITALIA, L’ASSESSORE REGIONALE AGABITI: “EVENTO SPORTIVO CHE RACCONTA IL PAESE E VETRINA IMPORTANTE PER LA PROMOZIONE DELL’UMBRIA”

GIRO D’ITALIA, L’ASSESSORE REGIONALE AGABITI: “EVENTO SPORTIVO CHE RACCONTA IL PAESE E VETRINA IMPORTANTE PER LA PROMOZIONE DELL’UMBRIA”

19 Mag 2021

PERUGIA – “Nessun altro evento sportivo come il Giro d’Italia è riuscito in oltre un secolo dalla sua prima edizione a raccontare il nostro Paese. Ed anche in un momento storicamente difficile per il turismo come quello attuale quest’appuntamento rappresenta una vetrina importante che contribuirà a promuovere, valorizzare e sostenere l’immagine dell’Umbria, a partire dai 198 Paesi che potranno ammirare il nostro territorio grazie al passaggio del Giro”.

L’ha detto l’assessore regionale allo sport Paola Agabiti intervenendo martedì pomeriggio all’iniziativa “Il Giro d’Italia a Perugia nella comunità e nella sfida dei valori”, a cui hanno partecipato istituzioni, operatori, campioni e personalità del mondo dello sport e del ciclismo in attesa della partenza dell’11^ tappa del Giro da Piazza IV Novembre.

“Per le sue peculiarità – ha aggiunto – l’Umbria sa attrarre gli appassionati di ciclismo e coloro che hanno trovato nella bicicletta lo strumento ideale per raggiungere benessere fisico, salute e serenità. Anche per questo, rispetto al turismo lento ed esperienziale, come Regione stiamo ridisegnando l’intera strategia per rendere il nostro territorio sempre più accogliente, sostenibile ed accessibile. Le ciclovie insieme ai Cammini, alle ippovie ed allo sport outdoor sono il cuore di questo progetto per un turismo sostenibile e uno sviluppo intelligente, capace di generare valore aggiunto anche nei luoghi distanti dalle principali arterie di comunicazione: un antidoto allo spopolamento ed un efficace contributo alla salvaguardia ed alla conservazione dell’articolato patrimonio della nostra regione. Da qui l’importanza di saper integrare le diverse vocazioni di un territorio e di una comunità, a partire proprio dalle caratteristiche sociali e dalle potenzialità creative. Soprattutto in questo periodo di ripresa dopo la pandemia siamo tutti chiamati ad uno sforzo aggiuntivo per far esprimere ed evidenziare le eccellenze, le unicità della nostra regione. È una lunga salita, una vera e propria corsa a tappe, ma abbiamo inserito un rapporto giusto che ci consentirà di raggiungere il traguardo”.