Gli artisti si reinventano per sopravvivere al lockdown: “Contaminazioni” racconta l’arte ai tempi del Covid

Gli artisti si reinventano per sopravvivere al lockdown: “Contaminazioni” racconta l’arte ai tempi del Covid

12 Ott 2020

NARNI – Multimedialità digitale e mezzi tradizionali, come foto e scrittura, per sintetizzare le modalità di “sopravvivenza” delle esigenze artistiche e culturali nei lunghi mesi in cui la pandemia ha imposto l’isolamento.
E’ quanto propone Contaminazioni, l’evento artistico centrale del Festival della Sociologia che si svolgerà a Narni, ma anche il punto di confluenza di altre manifestazioni, che documenteranno le vicende dell’arte e degli stimoli sociali e culturali ai tempi del Covid-19.
L’esposizione, allestita nell’auditorium Bortolotti del San Domenico, sarà inaugurata mercoledì 14 ottobre al termine della conferenza stampa di presentazione del Festival.
Tra le proposte una mostra fotografica che narrerà ArteFatte, con protagoniste le donne narnesi che, costrette a restare a casa per la quarantena, si sono coordinate per realizzare copie personalizzate di opere figurative importanti, alcune situate anche nel museo della città, dando vita, con gruppi situati in altre regioni e stati, ad un “museo diffuso”.
La Commissione Pari Opportunità – Comune di Narni ha invece ideato e coordinato la realizzazione della sciarpa dell’accoglienza, della solidarietà, della condivisione e della resilienza.
Per realizzare la sciarpa di oltre 30 metri, che raccoglie le storie delle donne, prima, durante e dopo il confinamento, si sono alternate centinaia di sferruzzatrici.
L’ Accademia delle Belle Arti di Roma presenterà alcuni diari che documenteranno le iniziative didattiche ai tempi del Covid-19.
L’esposizione, organizzata dall’ Associazioneminerva Minervaarte, è curata da Mariacristina Angeli,
con la direzione artistica di Mauro Pulcinella, la collaborazione di Ugo Antinori e la presentazione di Roberto Rapaccini.
Espongono: Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci Perugia, docente Nicola Renzi, Accademia di Belle Arti di Roma, docenti Patrizia Bisonni e Alessandra Porfidia, Istituto Gandhi Narni, Liceo Artistico O.Metelli Terni, ArteFatte e Commissione Pari Opportunità Comune di Narni e gli artisti Ugo Antinori, Lauretta Barcaroli, Diletta Boni, Alfredo Celli, Marco Collazzoni, Massimo De Angelis, Espressione Ceramica di Simona Marzio e Sergio Meloni, Raffaele Federici, Tanita Gennari e Melissa Marchetti, Claudio Michetti, Alessio Patalocco, Roberto Pileri, Anuska Pitotti e Lorenzo Tramini, Mauro Pulcinella, Roberto Rapaccini, Luigi Riccioni, Maria Grazia Tata, Alberto Tessore r Luca Vitturini
L’ingresso è contingentato e per evitare attese è possibile prenotare inviando una mail a angeli.minerva@gmail.com.
Info 333 9144745; pagina fb Associazione Minerva MinervAArte