IL SINDACO LUCA SECONDI E L’ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI BENEDETTA CALAGRETI IN VISITA AL SERVIZIO INTEGRATO DELL’ETÀ EVOLUTIVA DELL’USL UMBRIA 1

IL SINDACO LUCA SECONDI E L’ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI BENEDETTA CALAGRETI IN VISITA AL SERVIZIO INTEGRATO DELL’ETÀ EVOLUTIVA DELL’USL UMBRIA 1

15 Nov 2022

CITTÀ DI CASTELLO – Con una visita effettuata nei giorni scorsi insieme all’assessore alle politiche sociali Benedetta Calagreti, il sindaco Luca Secondi ha testimoniato “la vicinanza al personale del Servizio Integrato dell’Età Evolutiva dell’Usl Umbria 1 e l’auspicio che l’Azienda sanitaria, così come indicato dal Comune di Città di Castello, investa nelle modalità ritenute più opportune una parte del lascito Mariani per sviluppare e potenziare l’attività di un servizio che è in prima linea a supporto dei bisogni dei giovani e delle loro famiglie”.

“L’apertura di un centro diurno e l’implementazione delle figure professionali presenti, da quella dello psicomotricista a quella del logopedista – sottolineano sindaco ed assessore – sono tra le risposte che potrebbero consentire di aumentare la capacità di intervento del SIEE, che per complessità della casistica seguita e delicatezza dell’intervento richiesto dall’utenza necessita di una costante evoluzione della propria attività”.

Secondi e Calagreti, insieme alla responsabile Paola Antonelli ed agli operatori sanitari della struttura territoriale che ha sede in Via del Salaiolo, hanno approfondito la realtà attuale della popolazione giovanile altotiberina nella fascia 0-18 anni.

Dai circa 800 minori attualmente in carico al servizio, su un totale di 4.000 bambini ed adolescenti registrati, emerge nell’ultimo periodo una maggiore frequenza di disturbi di natura psicologica dovuti anche all’incertezza e all’ansia generati da una quotidianità stravolta dal Covid-19, ma anche di disturbi dell’apprendimento, disturbi dello spettro autistico e di malattie genetiche rare.

Con un’attività rivolta alla prevenzione, alla diagnosi e alla terapia dei disturbi neurologici e neuropsicologici, alla psicopatologia e al disagio psicologico, alle patologie neurosensoriali, alla riabilitazione fisioterapica, logopedica, alla cura e al sostegno psicologico dei bambini, dei ragazzi e dei loro genitori, il SIEE registra ogni anno circa 300 nuove richieste di assistenza.