Iniziativa editoriale “Olio d’Italia: Umbria”. Il progetto di Guide di Repubblica esalta la tradizione mediterranea umbra, tra sapori, turismo e personaggi famosi

Iniziativa editoriale “Olio d’Italia: Umbria”. Il progetto di Guide di Repubblica esalta la tradizione mediterranea umbra, tra sapori, turismo e personaggi famosi

27 Dic 2020

L’olio d’oliva, ricchezza storica e culturale della nostra regione, esaltata dal quotidiano Repubblica. Le Guide di Repubblica “Olio d’Italia: Umbria”, progetto editoriale che nel 2020 inaugura la nuova collana, a disposizione dal 14 dicembre.

 

 

Il volume di Repubblica tocca dunque il mondo magico di oliveti, di frantoi, di olio, ricordando che la DOP Umbria con le sue cinque sottozone è caratterizzata ovunque dall’olivo nonché dall’olio come prodotto tipico. Nella nuove Guide di Repubblica “Olio d’Italia: Umbria” sono visionabili interviste e testimonianze di volti noti come Andrea Barzagli, che confessa di essersi avvicinato al mondo dell’olio tra le campagne di Todi, come Brunello Cucinelli, imprenditore del cashmere famoso in tutto il mondo, come Mogol, che racconta degli ulivi nel suo Centro Europeo di Toscolano, e come Alex Britti, Marco Bocci, Giorgio Barchiesi, alias Giorgione, che ricorda le esperienze nell’olivicoltura umbra di Francesco De Gregori. Presenti anche numerosi testimonial, italiani e stranieri.

 

 

Le produzioni della Dop Umbria sono raccontate grazie a itinerari che attraversano le 5 sottozone, mettendo in luce borghi e campagne, produzioni dell’artigianato e le tipicità della terra, eredità lasciate da grandi artisti e luoghi in cui vivere. L’olio e gli ulivi protagonisti, I giornalisti di Repubblica hanno visitato aziende agricole, frantoi, famiglie, botteghe e ristoranti, con l’obiettivo di narrare gli oli d’oliva umbri, le loro terre, le persone, con le nuove Guide di Repubblica “Olio d’Italia: Umbria”.

 

 

Raccontata quindi l’Umbria dell’olio d’oliva nel corso del Novecento, con anche l’attraversamento dell’Alta Umbria e del Trasimeno, della Fascia Olivata Assisi-Spoleto e della bassa Valnerina, dei Monti Martani, di Terni, dell’Orvietano e dell’Amerino. Per ogni area, le nuove Guide di Repubblica “Olio d’Italia: Umbria” descrivono le bellezze paesaggistiche e i tesori culturali, le ricchezze enogastronomiche e, ovviamente, il patrimonio olivicolo, con focus su grandi storie di territorio e sulle aziende che utilizzano l’ulivo e l’olio per produzioni non legate strettamente alla tavola. Le “dritte” su come riconoscere l’olio di qualità e il “vero/falso” sul prodotto anticipano la chiusura del volume firmata dagli chef che propongono le loro ricette, rigorosamente con un olio evo sia tra gli ingredienti che in abbinamento. Seguono, per ogni zona, decine di consigli su dove mangiare, dove dormire e cosa comprare, sottolineando le peculiarità dei numerosi produttori di olio d’oliva.

 

L’introduzione del direttore, Giuseppe Cerasa, descrive nelle nuove Guide di Repubblica “Olio d’Italia: Umbria” un contesto ambientale e territoriale “che rimane sempre affascinante e che conferisce all’olio d’oliva umbro quelle caratteristiche che lo proiettano al top di tutte le classifiche nazionali. Noi siamo convinti che attraverso l’olio si può scoprire una regione e conoscerne la cultura la storia, le abitudini, le tradizioni e le eccellenze enogastronomiche. Ed è per questo che abbiamo realizzato la Guida ai sapori e ai piaceri dell’olio dell’Umbria, sicuri che questo prototipo potrà servire da esempio per altre regioni d’Italia”.

 

Il volume, nuove Guide di Repubblica “Olio d’Italia: Umbria”, ha ospitato nella prefazione numerose personalità, come la Ministra dell’Agricoltura. E’ disponibile a 10,90 euro più il prezzo del quotidiano e sarà disponibile anche online su Amazon, Ibs.

Michele Baldoni