“La prevenzione non va in vacanza”: L’unione italiana ciechi e ipovedenti offre visite oculistiche gratuite a Terni e provincia

“La prevenzione non va in vacanza”: L’unione italiana ciechi e ipovedenti offre visite oculistiche gratuite a Terni e provincia

21 Lug 2021

TERNI – La sezione di Terni dell’Uici, l’unione italiana ciechi e ipovedenti, aderisce al progetto estivo “La prevenzione non va in vacanza” promosso da IAPB Italia onlus, l’agenzia internazionale per la prevenzione della cecità.

Un progetto che ha lo scopo di informare le persone sui danni che l’esposizione ai raggi solari può provocare agli occhi.

Tra il 26 luglio ed il 6 agosto Uici Terni sarà impegnata in una campagna di informazione e di distribuzione di materiali, con i consigli per affrontare l’estate preservando la vista, in tutti i principali Comuni della provincia di Terni.

Verranno anche raccolti i nominativi di persone che vogliono sottoporsi ad un check-up visivo gratuito, previo appuntamento, che si terrà nei locali della sezione di Terni, in via Faustini, 22.

Le visite oculistiche, svolte dalla ortottista, Elena Battistelli, saranno volte ad identificare ed eventualmente valutare difetti sensoriali e della motilità oculare (strabismo, ambliopia).

Con la supervisione di Marco Ilari, oculista, verranno effettuate foto del fondo oculare, utili ad identificare eventuali patologie o deficit della retina.

Per informazioni e prenotazioni basta chiamare il numero 0744 402119.

Il dettaglio dei giorni e degli orari dei check-up visivi è sul sito www.uiciterni.it o sulla pagina facebook Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti sez. Terni.

“Il nostro ente – sottolinea Daniele Maccaglia, presidente di Uici Terni – si occupa a 360° delle persone colpite da disabilità visiva, dai bambini agli adulti, e siamo a disposizione di ogni persona che riscontra difficoltà fornendo moltissimi servizi: caf e patronato, libro parlato, istruzione e formazione, prevenzione, servizi di accompagnamento, corsi, sostegno psicologico, attività ludiche e ricreative, avviamento al lavoro”.