NASCE “POINT DONNA UMBRIA”, SPORTELLO MULTIFUNZIONALE DEL CENTRO PARI OPPORTUNITÀ DELLA REGIONE UMBRIA

NASCE “POINT DONNA UMBRIA”, SPORTELLO MULTIFUNZIONALE DEL CENTRO PARI OPPORTUNITÀ DELLA REGIONE UMBRIA

9 Mar 2021

PERUGIA – Si chiama “Point Donna Umbria” lo sportello multifunzionale di ascolto per creare opportunità concrete di accompagnamento al lavoro e di formazione per le donne che verrà istituito dal Centro Pari Opportunità (CPO) della Regione Umbria. Lo sportello, che nasce dal lavoro di tutte le consigliere del CPO, avrà sede nei due capoluoghi di provincia, Terni e Perugia, e sarà aperto al pubblico due volte alla settimana, con un orario che verrà al più presto individuato.

Il servizio sarà gratuito e verrà fornito da personale qualificato, formato anche tramite corsi organizzati dal Centro pari Opportunità. Si procederà inoltre ad una ricognizione sul territorio regionale per individuare tutte le associazioni che già operano in alcuni comuni e forniscono questo tipo di assistenza, al fine di costituire una rete che si interfacci con il neonato sportello del CPO proprio per ottimizzare il servizio.

“Abbiamo bisogno di invertire la rotta – ha detto Caterina Grechi, Presidente del Centro Pari Opportunità della Regione Umbria – perché oggi più che mai le donne possano trovare uno spazio dove essere aiutate concretamente ad individuare il lavoro in base alle possibilità offerte dal mercato e alle loro competenze individuali ed a questo far seguire un accompagnamento al lavoro. “Point Donna Umbria” sarà uno sportello multifunzionale all’interno del Centro Pari Opportunità per fornire assistenza telefonica ed in loco alle donne che intendono avviare un’impresa artigianale, commerciale, turistica od industriale nella nostra Regione o che, comunque, hanno la necessità di avere informazioni in merito alla propria attività imprenditoriale. Consapevoli del fatto che le disparità di genere nel mondo del lavoro erano una criticità già prima dell’emergenza sanitaria, abbiamo pensato di lavorare per creare opportunità. Lo sportello sarà infatti un strumento per supportare il lavoro e creare nuovo lavoro, per incentivare l’imprenditorialità anche attraverso i fondi europei che arriveranno dal Recovery Fund, per essere fattivamente vicino alle donne anche con un supporto psicologico”.