Dai Territori

Notizie da tutti i territori di Cesvol Umbria

30° ANNIVERSARIO DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA, MOSTRA DIDATTICA E CONVERSAZIONI ALLA BIBLIOTECA SPERELLIANA

Gubbio - 20 Nov 2019
30° ANNIVERSARIO DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELL’INFANZIA E DELL’ADOLESCENZA, MOSTRA DIDATTICA E CONVERSAZIONI ALLA BIBLIOTECA SPERELLIANA

In occasione del 30° anniversario della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (1989-2019) che si celebra nella “Giornata Internazionale” del 20 novembre, alle 16,30 nellla Biblioteca Sperelliana, con la partecipazione di tutte le scuole del territorio, verrà inaugurata la mostra didattica “I labirinti del tempo: il futuro della terra”, che metterà al centro il diritto al futuro.

A seguire (ore 17), nella sala Morena della Biblioteca si terrà una conversazione sul tema, sui lavori in mostra e su come ”Abitare il pianeta con cura” tra Oreste Brondo e Moira Sannipoli.

L’appuntamento si inserisce nell’ambito delle iniziative promosse dall’associazione “Settimana del Libro”, che prosegue la sua riflessione sulla contemporaneità.

“Margini di futuro” è appunto il tema generale della 28^ edizione, con approfondimenti sul tempo che stiamo vivendo e su un pianeta a rischio di sopravvivenza, tra cambiamenti climatici e mutazioni antropologiche e sociali in atto.

Alla pedagogia, alla scienza, alla fantascienza, alla letteratura ed al cinema sono stati dedicati gli incontri precedenti, per cercare di ripensare le coordinate spazio-temporali, i modelli mentali, i metodi ed i contenuti di una scuola e di una società che sembrano aver perso la bussola della convivenza.

E dopo l’immaginario, le visioni e le rappresentazioni in mostra delle giovani generazionim si riprenderà il filo della riflessione con un’altra conversazione per ragionare insieme e scongiurare un futuro troppo incerto e pauroso. “Pedagogia dell’intercultura. Imparare dagli scarti”, sarà il tema del dialogo tra Sara Honegger e Raniero Regni che si terrà sabato 23 novembre alle ore 17,30 nella sala ex Refettorio della Biblioteca Sperelliana. Un’occasione pensata in collaborazione con la Comunità di Capodarco per riflettere meglio sull’interdipendenza, sulle vulnerabilità e sulle fragilità, sui legami tra simili e diversi, sugli scarti che spesso ci lasciamo dietro ed in ombra senza coglierne il senso, la portata e soprattutto la risorsa per il vivere in comune.