Dai Territori

Notizie da tutti i territori di Cesvol Umbria

A Città della Pieve  si dibatte sulla tettonica, sul mondo dinamico degli Oceani

Città della Pieve - 4 Dic 2019
A Città della Pieve  si dibatte sulla tettonica, sul mondo dinamico degli Oceani

Il Gruppo Ecologista “Il Riccio” unitamente alla Biblioteca “Francesco Melosio” di Città della Pieve,  venerdì 6 dicembre ore 17.00 a Palazzo Della Corgna – Sala Grande, invita all’evento Il Mondo dinamico e sconosciuto degli oceani – la Geologia Marina e alcuni segreti degli ecosistemi profondi” con la presentazione di due libri del prof. Paolo Monaco, geologo  già  docente al Dipartimento di Fisica e Geologia dell’Università di Perugia: “Le zattere del Pianeta Terra” e “Il pianeta azzurro meraviglioso e terribile”.

Un compendio di Geologia Marina, la disciplina che si occupa della dinamica degli oceani nelle Ere geologiche e degli ecosistemi profondi. La storia di un pianeta, la Terra, geologicamente attivo.

L’intento dell’autore allargare la platea, andare oltre  i soliti esperti, coinvolgendo un pubblico più vasto ed eterogeneo per affrontare la dinamica del nostro magnifico Pianeta Terra, fin dalle epoche geologiche più remote.

Un viaggio nel tempo divertente, umoristico e un poco dissacrante, affinché la Geologia diventi finalmente amica e non una “roba strana” utile solo ai tecnici, un argomento per tutti, in grado di coinvolgere su una materia, la tettonica delle zolle o placche o zattere appunto, complesso ma sicuramente affascinante.

E ancora il mare e i mille respiri del Pianeta azzurro meraviglioso e terribile, segno tangibile di una sorprendente  magnificenza che va tutelata e trasmessa senza distruzione ma con la cura necessaria che solo la conoscenza della Geologia marina nel suo complesso può garantire. Il nostro Pianeta,   costituito da oltre il 72% di acque, è uno scrigno di mille meraviglie nascoste, a volte sorprendenti e inaspettate, a volte terribili, ma sempre indispensabili.

L’Autore ne discuterà con il prof. Enrico Tavarnelli, docente presso il Dipartimento di Scienze Fisiche della Terra e dell’Ambiente dell’Università di Siena.