Dai Territori

Notizie da tutti i territori di Cesvol Umbria

PRESENTATO L’OPUSCOLO “BUONE PRATICHE DI PROTEZIONE CIVILE”

Foligno - 15 Ott 2019
PRESENTATO L’OPUSCOLO “BUONE PRATICHE DI PROTEZIONE CIVILE”

Per iniziativa di ANCI e Comune di Foligno, è stato presentato l’opuscolo “Buone pratiche di protezione civile”, che verrà distribuito alle famiglie del territorio dai volontari di protezione civile (Associazione Nazionale Carabinieri, Croce Bianca, Cisar Foligno e Volontari “Città di Foligno”). Alla presentazione dell’opuscolo, oltre agli amministratori, sono intervenuti anche il presidente della Consulta comunale di protezione civile Gabriele Bibi ed il responsabile del Servizio comunale di protezione civile Maurizio Balducci. Nel documento è illustrato cosa deve fare il cittadino prima, durante e dopo un’emergenza e viene altresì spiegato dove andare (spazi ed aree di protezione civile) ed a chi rivolgersi. Nell’opuscolo sono inoltre presenti le schede dei vari rischi (terremoto, frana, alluvione, calore, neve, incendio ed industriale), con tutte le pratiche e le norme di comportamento da seguire. C’è anche la possibilità per il cittadino di iscriversi ad “Alert System”, un servizio di informazione telefonica in grado di avvisare la popolazione in caso di allerta od emergenza e per veicolare qualsiasi informazione (per aderirvi è possibile collegarsi al sito oppure recarsi all’Ufficio comunale di protezione civile).

Nelle giornate di sabato 12 e domenica 13 ottobre, in concomitanza con una manifestazione di carattere nazionale, anche a Foligno (sabato in Piazza Matteotti e domenica in Piazza della Repubblica) si è tenuta l’iniziativa “Io non rischio”, campagna nazionale per le buone pratiche di protezione civile con la presenza dei volontari con l’obiettivo di diffondere la cultura della prevenzione e sensibilizzare i cittadini sulle varie calamità.

Nel corso dell’incontro Bibi ha ricordato che “a Foligno operano diverse associazioni di protezione civile ed in presenza di un’emergenza la città può contare complessivamente fino a 300 volontari”.