Dai Territori

Notizie da tutti i territori di Cesvol Umbria

SECONDO INCONTRO DEL “CORSO DI FORMAZIONE 0-6” CON IL PROF. LEONARDO FOGASSI, SCOPRITORE DEI NEURONI SPECCHIO

Città di Castello - 3 Dic 2019
SECONDO INCONTRO DEL “CORSO DI FORMAZIONE 0-6” CON IL PROF. LEONARDO FOGASSI, SCOPRITORE DEI NEURONI SPECCHIO

Dopo la presentazione il 23 novembre del “Corso di formazione 0-6” rivolto agli educatori di bambini dai 0 ai 6 anni, sabato 30 novembre, nella sede della Fondazione Hallgarten–Franchetti Centro Studi Villa Montesca, si è svolto il secondo incontro, tenuto dal prof. Leonardo Fogassi ed incentrato sullo sviluppo infantile dei bambini tra 0 e 6 anni. Dialogando con gli 40 docenti partecipanti al corso, il relatore ha ripercorso le fasi cognitive dei bambini nel loro primo periodo di crescita e sviluppo, ovvero dalla nascita fino a 6 anni.

Il prof. Fogassi è un neuroscienziato, docente di Neurofisiologia all’Università degli Studi di Parma, che assieme a Giuseppe Di Pellegrino, Luciano Fadiga, Vittorio Gallese e Giacomo Rizzolatti ha fatto parte del gruppo di ricerca che ha scoperto l’esistenza dei “neuroni specchio”, cellule motorie del cervello che si attivano sia durante l’esecuzione di movimenti finalizzati, sia osservando simili movimenti eseguiti da altri individui.

Il prof. Fogassi, insieme al prof. Raniero Regni, è autore del testo “Montessori e le Neuroscienze, cervello, mente ed educazione” e proprio il metodo Montessoriano, rivisitato alla luce delle più recenti scoperte pedagogiche e delle neuroscienze, è alla base del corso, promosso dalla Fondazione Hallgarten–Franchetti Centro Studi Villa Montesca in collaborazione con ANCI Umbria, Regione Umbria e Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione dell’Università degli Studi di Perugia.

Maria Montessori è stata a tutti gli effetti una pioniera nel settore educativo: grazie alle sue osservazioni ed ai suoi studi è stata in grado non solo di rivoluzionare le pratiche vigenti, ma di modificare la visione stessa del bambino. All’immagine, propria della tradizione, di bambino quale essere privo di coscienza, tabula rasa tutta da scrivere per mano dell’adulto, la Montessori sostituì una visione di bambino come individuo competente, che alla nascita già possiede in potenza tutte le risorse necessarie per edificare da sé l’uomo e l’insieme delle sue facoltà (pensiero, linguaggio, movimento…).

Tutto ciò, come scoprì Maria Montessori oltre un secolo fa, è possibile grazie alle particolari caratteristiche della mente infantile, una mente che funziona in maniera differente da quella adulta, perché cresce e si sviluppa assorbendo in maniera semplice e naturale ciò che la circonda sulla base di direttive di sviluppo interiori. Queste scoperte condussero la Montessori a mettere in atto una vera e propria rivoluzione educativa, basata sulla convinzione che “per aiutare un bambino, dobbiamo fornirgli un ambiente che gli consenta di svilupparsi liberamente”.

Creò quindi degli ambienti a misura di bambino, con oggetti curati e proporzionati utili a favorire il più possibile l’attività autonoma infantile, sviluppò dei materiali scientifici per lo sviluppo dei sensi e per l’apprendimento delle varie discipline (linguaggio, matematica, botanica, geografia…) e, soprattutto, formò migliaia di educatori ed insegnanti al suo nuovo approccio.

I benefici che l’educazione Montessori ha sullo sviluppo infantile sono oggi confermati anche dalle neuroscienze, ed è stato proprio questo l’approccio affrontato nel corso dal prof. Fogassi che, nel suo dialogo con i docenti partecipanti, ha appuntoripercorso le fasi cognitive dei bambini nel loro primo periodo di crescita e sviluppo, dalla nascita ai 6 anni.